Archivio notizie

 10-nov-21
MISURE URGENTI DI SOLIDARIETĀ ALIMENTARE E DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN STATO DI BISOGNO PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE E DELLE UTENZE DOMESTICHE CONNESSE AL PERDURARE DELL'EMERGENZA DA COVID-19 (ART. 53 DEL D.L. N. 73/2021)
MISURE URGENTI DI SOLIDARIETĀ ALIMENTARE E DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN STATO DI BISOGNO PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE E DELLE UTENZE DOMESTICHE CONNESSE AL PERDURARE DELL\'EMERGENZA DA COVID-19 (ART. 53 DEL D.L. N. 73/2021)

                                                              SI RENDE NOTO

che l’Amministrazione Comunale ha stabilito di dare attuazione alle misure di cui all’art. 53 del D.L. n. 73/2021 attraverso l’erogazione di contributi per l’acquisto, presso gli esercizi commerciali del territorio comunale aderenti all’iniziativa, esclusivamente di beni alimentari e di prodotti per l’igiene della persona e degli ambienti (con esclusione, quindi, di alcolici, tabacchi, ecc.), nonché per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche.

REQUISITI PER L’AMMISSIONE AI BENEFICI

  1. I requisiti che il richiedente deve possedere per l’accesso agli interventi di solidarietà alimentare sono stabiliti come segue:
  1. residenza anagrafica nel Comune di Anagni;
  2. per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità;
  3. avere il nucleo familiare convivente e coabitante;
  4. essere in possesso di un’attestazione ISEE (ordinario o corrente) in corso di validità uguale o inferiore ad € 7.500,00;
  5. trovarsi in una situazione di bisogno, da autocertificare, a causa e per effetto delle norme relative al perdurare dell’epidemia da Covid-19 (perdita del lavoro o impossibilità di trovare lavoro a causa della crisi economica indotta dalla pandemia; sospensione per più mesi o chiusura dell’attività; espletamento di lavori intermittenti resi critici dalle attuali oscillazioni del mercato; sostanziali riduzioni del reddito per forzata riduzione dell’orario di lavoro e/o del fatturato); l’autocertificazione sarà soggetta a successiva verifica e sarà resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e dovrà, pertanto, recare obbligatoriamente in allegato un documento d’identità personale in corso di validità del dichiarante, pena la non ammissione al beneficio;
  6. non svolgere, ciascun componente il nucleo familiare del richiedente, attività lavorativa in violazione delle norme fiscali e contributive;
  7. non essere beneficiari, ciascun componente il nucleo familiare del richiedente, di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogate da Enti pubblici (es. reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, Naspi, reddito di emergenza, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, etc.); i percettori di altre forme di sostegno al reddito ed alla povertà solo in casi eccezionali saranno ammessi ai benefici, previa certificazione dei Servizi Sociali comunali che accerti la presenza di circostanze eccezionali che determinino il contingente stato di bisogno;
  1. gli ulteriori requisiti che il richiedente deve possedere, in aggiunta a quelli di cui al precedente punto 1), per l’accesso alle misure di sostegno per il pagamento dei canoni di locazione sono stabiliti come segue:
  1. essere titolare di un contratto di locazione ad uso abitativo primario, regolarmente registrato, relativo ad immobile adibito ad abitazione principale e corrispondente alla residenza anagrafica del nucleo familiare, con l’esclusione di immobili appartenenti alle seguenti categorie catastali: A1 (abitazioni signorili), A8 (ville), A9 (palazzi con pregi artistici e signorili); non sono ammessi i contratti di locazione ad uso abitativo secondario (seconda casa);
  2. corrispondere un canone di locazione ad uso abitativo primario per l’immobile adibito ad abitazione principale;
  3. non essere sottoposto a procedure di rilascio per morosità dell’immobile adibito ad abitazione principale;
  4. non essere assegnatario, per ciascun componente il nucleo familiare del richiedente, di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica;
  1. l’ulteriore requisito che il richiedente deve possedere, in aggiunta a quelli di cui al precedente punto 1), per l’accesso alle misure di sostegno per il pagamento delle utenze domestiche (gas, energia elettrica, acqua, telefonia, T.A.R.I. su utenze domestiche), è stabilito come segue:
  1.  abitare nell’immobile cui si riferiscono le utenze, che devono essere intestate al richiedente o  ad un componente del suo nucleo familiare.

Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e risultare da dichiarazione sostitutiva di certificazioni resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000.

La perdita anche di uno solo dei requisiti deve essere tempestivamente comunicata al Comune e comporta prima della conclusione dl procedimento l’esclusione, mentre successivamente all’erogazione del contributo comporta la decadenza e l’obbligo di restituzione dello stesso.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda del/i beneficio/i e l’autocertificazione dovranno essere compilate e presentate esclusivamente on line, collegandosi al link http://anagni.mycity.it/istanze-online/istanza-dettaglio/621935 .

Soltanto qualora nessuno dei componenti del nucleo familiare interessato disponga di strumenti tecnologici per la compilazione telematica della domanda, il richiedente potrà rivolgersi nelle giornate del martedì e giovedì al Segretariato Sociale, che ha sede nei locali siti nel Portico Comunale, oppure contattare telefonicamente i Servizi Sociali comunali e prendere appuntamento per avere supporto nella compilazione della domanda on line.

Alla domanda dovrà obbligatoriamente essere allegata, pena la non ammissione al beneficio, la seguente documentazione scansionata:

  • documento di identità in corso di validità del richiedente;
  • attestazione ISEE (ordinario o corrente) del richiedente in corso di validità;
  • tessera sanitaria;
  • documentazione relativa al codice IBAN;
  • contratto di locazione (solo in caso di richiesta di contributo per il pagamento del canone di locazione);
  • documentazione relativa alle utenze domestiche da pagare (solo in caso di richiesta di contributo per il pagamento delle utenze domestiche);
  • fatture/bollette insolute o già pagate relative alla T.A.R.I. anno 2020 (solo in caso di richiesta di contributo per il pagamento della T.A.R.I.).

Le domande potranno essere presentate fino al 13/12/2021 e saranno evase fino ad esaurimento della somma assegnata al Comune di Anagni ai sensi dell’art. 53 del D.L. n. 73/2021, convertito dalla legge n. 106/2021.

La domanda può essere presentata solo da un componente del nucleo familiare.

INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ ALIMENTARE

Il beneficio relativo alla solidarietà alimentare verrà erogato mediante accreditamento della somma su un apposito sistema gestito mediante la tessera sanitaria del richiedente per l’acquisto, presso gli esercizi commerciali del territorio comunale aderenti all’iniziativa, esclusivamente di beni alimentari e di prodotti per l’igiene della persona e degli ambienti (con esclusione, quindi, di alcolici, tabacchi, ecc.). Il beneficio erogato non può essere ceduto a terzi, non è convertibile in valuta e non è ammessa la corresponsione in denaro del saldo residuo, ove esso non venga utilizzato per l’intero valore; a fronte di una spesa di importo maggiore rispetto alla somma accreditata, la differenza resta a carico dell’acquirente.

I benefici relativi alla solidarietà alimentare avranno una validità di giorni 30 decorrenti dalla data del caricamento della somma e saranno concessi per un importo massimo complessivo a nucleo familiare secondo la seguente  tabella:

  • € 100,00  per famiglia mononucleare
  • € 200,00 per famiglia con 2 componenti
  • € 300,00  per famiglia con 3 componenti
  • € 400,00  per famiglia con 4 componenti
  • € 500,00  per famiglia con più di 4 componenti.

L’elenco degli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa sarà reso noto con apposito avviso pubblicato sul sito istituzionale dell’Ente, costantemente aggiornato.

I beneficiari sono tenuti ad esibire la tessera sanitaria ed un documento d’identità in corso di validità all’esercizio commerciale convenzionato al momento del pagamento.

Sul sito istituzionale del Comune verrà pubblicata apposita Guida contenente le istruzioni che consentiranno ai beneficiari di visualizzare il saldo disponibile sulla tessera sanitaria e le transazioni effettuate. Per visualizzare le transazioni, i beneficiari dovranno effettuare il download dell’app “MyCity” disponibile ai seguenti indirizzi:

Apple: https://apps.apple.com/it/app/mycity-app/id1436706048

Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=it.gasparilab.mycity&hl=it&gl=US

Link al portale: http://anagni.mycity.it/istanze-online/istanza-dettaglio/621935

In allegato è presente una guida per la compilazione ed un elenco dei commercianti che hanno aderito all'iniziativa.

 

CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DEL CANONE DI LOCAZIONE

I contributi per il pagamento del canone di locazione saranno concessi per un importo massimo complessivo a nucleo familiare secondo la seguente  tabella:

  • € 350,00  per famiglia mononucleare 
  • € 700,00  per famiglia da 2 a 4 componenti
  • € 1.000,00  per famiglia con più di 4 componenti.

CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DELLE UTENZE DOMESTICHE

I contributi per il pagamento delle utenze domestiche (gas, energia elettrica, acqua, telefonia) saranno concessi per un importo massimo complessivo a nucleo familiare secondo la seguente  tabella:

  • €  50,00  per famiglia mononucleare 
  • € 100,00  per famiglia da 2 a 3 componenti
  • € 150,00  per famiglia con 4 componenti
  • € 200,00  per famiglia con più di 4 componenti.

Il contributo per il pagamento dell’onere T.A.R.I. su utenze domestiche è destinato al pagamento di fatture/bollette insolute relative alla T.A.R.I. anno 2020, al rimborso per fatture/bollette già pagate relative alla T.A.R.I. anno 2020 e/o all’esonero dal pagamento di fatture/bollette relative alla T.A.R.I. anno 2021. Per il solo caso del pagamento della T.A.R.I. anno 2020 e 2021, gli Uffici comunali provvederanno a riversare direttamente all’Ente il contributo spettante a saldo o pro quota della T.A.R.I. dovuta; qualora, invece, l’importo sia già stato parzialmente o intermente pagato, verrà erogato al richiedente avente diritto un contributo a titolo di rimborso.

Nel caso di importo del canone di locazione annuo o delle utenze domestiche (gas, energia elettrica, acqua, telefonia) relativo all’anno 2021 di valore inferiore al contributo massimo sopra previsto, sarà riconosciuto un contributo sino a concorrenza dell’importo del canone o delle utenze domestiche, secondo la documentazione allegata alla domanda.

I predetti benefici di solidarietà alimentare e per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche sono da intendersi una tantum e sono cumulabili.

CONTROLLI

L’Amministrazione disporrà controlli sulla veridicità delle dichiarazioni contenute nella domanda di assegnazione del beneficio.

In caso di falsa dichiarazione, verrà determinata la decadenza del beneficio, si procederà al recupero di quanto indebitamente percepito e ne verrà data comunicazione all’Autorità Giudiziaria.

Gli elenchi degli aventi diritto al contributo, così come le dichiarazioni sostitutive di certificazioni, saranno inviati alla Guardia di Finanza competente per territorio per i controlli previsti dalle leggi vigenti.

TUTELA DEI DATI PERSONALI

Il Comune di Anagni, nella qualità di Titolare del trattamento dei dati personali dei richiedenti (soggetti interessati), ai sensi e per gli effetti del Regolamento UE 2016/679, informa che la citata normativa prevede la tutela degli interessati rispetto al trattamento dei dati personali e che tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati.

I dati personali volontariamente forniti saranno trattati esclusivamente per le finalità del presente Avviso anche facendo uso di strumenti informatici, al solo fine di consentire l’attività di valutazione e di erogazione dei buoni spesa, nel rispetto della vigente normativa.

Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria in quanto indispensabili per avviare il procedimento amministrativo per l’erogazione del beneficio.

I dati raccolti e trattati per tale finalità possono essere comunicati al Ministero dell’Economia e delle Finanze e alla Guardia di Finanza per i controlli sulle autocertificazioni.

I dati raccolti e trattati per tale finalità possono essere comunicati allo Stato.

Il dichiarante ha diritto all’accesso, all’aggiornamento e rettifica, all’opposizione al trattamento, alla cancellazione e limitazione all’utilizzo dei suoi dati personali.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Servizi Sociali ai seguenti numeri: 0775 730413/452/458.